venerdì 18 ottobre 2013

Venerdì Horror con Lo Zio Tibia !

Salve, piccoli zombetti miei e maltrovati, ve l'avevo detto che ci saremmo ritrovati, o nell'aldilà o nell'aldiquà !
Questa notte ricordiamo una meteora dell' horror nostrano,  il fin troppo defunto ma mai dimenticato Zio Tibia.
Questo morto vivente di gomma, fu protagonista di due nottate d'estate indimenticabili il 1989 e '90.  Ebbe appunto vita breve ma entrò nel cuore di tutti i piccoli che non volevano andare a letto troppo presto, quelli che amavano il sangue ed i filmacci horror americani.
Se pensate che il conduttore più in voga del momento fosse Uan.. dare spazio ad un vecchietto putrefatto per la programmazione notturna non fu certo una cattiva idea, dopotutto eravamo sempre gnoi a guardare la tele per una quindicina di ore al giorno...

La scelta del nome "Zio TIbia" non fu casuale, poichè gli adulti dell'epoca conoscevano bene questo personaggio che negli anni 70 fu protagonista di una serie di fumetti.


Purtroppo c'è da dire che lo "Zio Tibia" fu solo una traduzione di "Uncle Creepy", un fumetto di successo Americano uscito negli anni 60 e riadattato in Italia in un formato Libro con tutte le storie di creepy al suo interno. La differenza stava solo nel formato che da noi era molto più piccolo di quello americano, tipo un libro, quindi molto più capiente di racconti.

Creepy  a sua volta si ispirò a "Tales from The Crypt", un fumetto uscito nell'america degli anni 50, entrato nella leggenda e e ritirato dopo pochi anni per le proteste bigotte delle  associazioni dei genitori.

Tales From The Crypt divenne poi una serie Tv di successo negli Stati Uniti, esattamente nello stesso periodo in cui da noi uscì Lo zio Tibia, estate 1989...
Non si sa quindi se fu una casualità oppure se i produttori italiani furono attenti al palinsensto americano, a tal punto da mettere in scena uno show scopiazzato in fretta e furia. A giudicare dagli scenari e dallo studio con un budget di 16.000 lire potrebbe anche essere così...
La differenza tra i due non stava solo nel fatto che il Cryptkeeper era un sofisticato animatronics e che aveva un bellissimo scenario della cripta, ma che presentava dei minifilm creati appositamente per lo show da grandi registi come Zemeckis o Joe Dante. Uomini creciuti negli anni 50 con i fumetti di Tales From The Crypt.
Fatto sta, che da noi Tales from the Crypt uscì in videocassetta e venne trasmesso poco dopo su Italia Uno, probabilmente fu proprio per questo che lo show Zio Tibia fu cancellato.

Fu comunque un vero peccato perchè  allora lo Zio Tibia venne percepito come un personaggio unico ed originale tutto Italiano.
L'incarnazione che gli diedero in Tv, rimarrà un opera originale con le sue battutacce e folli rubriche.
Lo Zio Tibia avrebbe potuto continuare con la sua formula di presentare film e puntate di serie Tv.

Ma che ci volete fare.. questa è la vita e tutti i viventi han la stessa sorte.. dopo la vita incontran la moooorte..