domenica 18 ottobre 2015

Speciale HOWARD THE DUCK -e il destino del mondo

Ve lo immaginate che Howard oggi sarebbe una roba d universo Marvel ?? Ebbene si.. presto potremmo trovarci un nuovo film o franchise con protagonista il nostro papero preferito e finire come i soliti vecchietti che raccontano a dei mocciosi saputelli che quello che hanno conosciuto loro ai loro tempi era ben altra roba..
E allora anticipando questo drastico scenario faremo proprio ciò in questo post..

Questa volta torniamo nel lontano 1986, anno in cui la Marvel era solo una casa editrice di fumetti e per giunta in un epoca dove le VHS e le console ad 8 BIT regnavano.. i fumetti erano già un qualcosa di davvero poco eccitante.. La Marvel poi sul suolo italico non fece mai una gran presa negli anni 80..
Quindi sarebbe stato insignificamente chiamarlo Marvel Hulk.. no era sufficiente dire L'incredibile Hulk .. quello con Lou Ferrigno.. era Hulk ad essere famoso, non la Marvel ! Così come l' Uomo Ragno (mica spaidermen) era famoso per i cartoni .. insomma noi qui Thor gli X Men e Iron Man non sapevamo nemmeno cosa fossero..

Un epoca davvero lontana, anni in cui si mettevano in piedi dei film del genere per un idea brillante ed una sceneggiatura degna di essere chiamata tale.
Howard è proprio questo, guardatelo oggi e passerete un'ora e mezza esilarante.. potete anche solo ascoltarlo per farvi quattro risate ed apprezzare un umorismo ormai completamente estinto, quel tipo di umorismo che parlava a bambini e ragazzi esattamente come se fossero degli adulti e che riportava gli adulti ad essere dei ragazzi..
Questi erano i film ed il climax degli anni 80.. al diavolo il politically correct.. e il brand da cui provenivano..
Howard è solo una delirante commedia di fantascienza ed è proprio il suo non prendersi sul serio che la ha resa grande, convincendo lo spettatore dopo metà film di puro umorismo demenziale che solo un Papero poteva essere in grado di rispedire gli Occulti Supersovrani da dove erano venuti..
Lasciatemi dire che c'è più di una scena che potrebbe essere tranquillamente presa per Zoophilia.. in realtà Howard era un cacchio di costume indossato da un nano con la faccia radiocomandata..
Ma non è mai stato percepito da nessuno così ! Prima della computer grafica questo era possibile.. Non solo grazie al grande lavoro di questi "artigiani" ma appunto con la qualità dei dialoghi e della storia che ti faceva credere immediatamente a ciò che stavi guardando..
Il rapporto ambiguo tra Bevely e Howard riuscì proprio nel rendere credibile l'intera storia. Al giorno d'oggi dimenticatevi di vedere al cinema ( in un film per famiglie ) una ventenne a letto con un papero parlante che ha un profilattico nel portafogli !
La bella Lea Thompson fresca del successo Back to The Future, nel tour promozionale di Howard the Duck

Un giovane Tim Robbins nel suo più memorabile ruolo.. Le ali della libertà? Eh??
Jeffrey Jones che oggi risulta "scomparso" fu un atttore di "rilievo" per tutti gli anni 80, epoca in cui  riuscì a partecipare ad alcuni grandi film divenuti successi od autentici cult come Howard, Beetlejuice e il fin troppo dimenticato classico demenziale Chi è Harry Crumb assieme a John Candy nel suo più grande ruolo probabilmente, in cui riuscì ad esprimere tutte le sue doti da caratterista"cattivo"
 
Howard con Bevely e le sue Cherrry Bombs.. in pratica le Jem and the Holograms in carne ed ossa !