giovedì 26 maggio 2016

Tributo David Bowie & speciale Labyrinth - 1986

Esattamente 30 anni fa uscì questo splendido film che è giustamente considerato un vero e proprio cult anni 80.
In concomitanza con il suo anniversario e la morte di Bowie facciamo un salto indietro nel tempo...
Labyrinth  non lo vidi al cinema, tuttavia ricordo fosse un titolo che avevo ben presente, uno di quelli da vedere. È incredibile pensare a tutti questi classici e a noi di quella generazione che li abbiamo tutti visti, aspettati, noleggiati e quant'altro solo grazie al passaparola, a qualche piccolo articolo di giornale o a dei nomi che fungevano da garanzia.
Personalmente non posso certo dire di averlo scoperto per Bowie.. ma senz'altro perchè "George Lucas il papà di Guerre Stellari vi porterà in un mondo..."
 Jim Henson, il creatore dei Muppets, era molto più di una garanzia anche se in Italia i suoi pupazzi non ebbero mai la stessa esposizione che in America tutti li conoscevamo comunque; in quel periodo esatto su Italia 1 trasmettevano i "Jim Henson's Muppets Babies" ricordo grazie a qualche articolo o speciale alla TV quanto questo "marionettista" mi affascinasse.
L'ultimo regalo aziendale di mio padre fu il videoregistratore e beccai subito la prima messa in onda penso prima ancora di averlo mai visto, circa nell'88-'89..
Mai registrazione  fu più cara per me, forse assieme ai Goonies e Ritorno al Futuro è il film che da piccoli abbiamo più visto e condiviso...e parlo di visioni da ossessivi compulsivi! :D
Era così, a quei tempi le videocassette e questi film praticamente perfetti sembravano nati per questo, per essere visti e rivisti.. Praticamente vissuti.
Non mi sorprende che la generazione 80 ha tutto questo seguito fatto di celebrazioni e merchandising, molti di noi sono ancora intrappolati lì, vorremmo solo rimettere su quella VHS e far ripartire tutto da capo..
Tra i fan di Bowie, questa colonna sonora, interamente firmata da lui è considerata rilevante nella sua discografia. Effettivamente ci sono dei pezzi stupendi, chi ha amato questo film non può far altro che canticchiarli di tanto in tanto..

 
Scoprii Bowie in questo modo, che rimase Jareth molto a lungo per me.
Credo di averlo trovato disturbante.. Un uomo fatto che indossa calzamaglia con pacco generoso a vista e rossetto ?
Erano gli anni di quella specie di metal glam, di quei glamsters insomma tanto odiati dai veri metallari.  Oggi c'è chi commettendo un errore storico affianca i due generi.. Ma questo è un altro discorso.
Dicevamo.. Erano gli anni dei Motley Crue, questa nuova ondata di Glam, chiamato Hair metal, che in realtà era Pop Metal... Ma appunto che aveva attinto molto dal Bowie anni 70.
Lui invece che era in continua metamorfosi, (ed un vero artista) nella metà degli anni 80 appariva decisamente più sobrio, ma in questo film adottó un look che pareva molto in linea con quello di queste ultime Rockstar che a lui si ispiravano...
Il risultato? Decisamente disturbante ma perfetto per dar credibilità ad un film per bambini, non agli occhi degli adulti, ma ai bambini e ragazzi stessi.
A quei tempi il il politically correct esisteva ma aveva visioni più ampie nel cinema per ragazzi.
Labyrinth è un film che oggi semplicemente non potrebbe esistere così come è.... E non mi sto riferendo agli effetti speciali.
All'epoca non mi era del tutto chiaro anche se trovai  la scena del ballo molto strana; abbiamo un uomo, truccato più di vostra zia a capodanno che danza ad una festa in maschera, stile Eyes wide shout, assieme ad una teenager... vestita da sposa !
 Tutta la storia non ruota attorno a Sarah che è gelosa del fratellino, esprime un desiderio ed è costretta ad affrontarne le conseguenze.. Sembrerebbe.. In realtà questa è solo la maschera di questa film. Il significato celato è che Jareth (Bowie)  è morbosamente infatuato di Sarah (Jennifer Connely quindicenne) è così che le mostra il suo "paese dei balocchi"...
Già ma In cambio di cosa?
Del fratellino da trasformare in un goblin..? Ripetendomi, questo è solo l'espediente per nascondere il vero significato del film.

È Jareth a far cadere il velo a fine film quando canta a Sarah queste parole:

Everything I've done
I've done for you
I move the stars for no one

You've run so long
You've run so far
Your eyes can be so cruel
Just as I can be so cruel
Oh I do believe in you
Yes I do

Live without your sunlight
Love without your heartbeat
I, I can't live within you
I can't live within you

Forse a noi Italiani e a tutto il resto del mondo apparte USA ed Inghilterra il vero significato può essere sfuggito..
Anche se quella particolare scena è piuttosto esplicita grazie al l'interpretazione di Bowie.
Non so come possano averlo giustificato oltreoceano, forse perchè cantata è passata solo per un delle canzoni di David Bowie, In realtà ricordiamoci che testi e musiche furono scritti appositamente per il film. Probabilmente lo spettatore adulto è ingannato da questa storia fatta di marionette e pupazzi ed è portato a pensare che questa non sia altro che un innocente fiaba per ragazzi.
Questo aspetto deve esserne stato oggetto di lunghe discussioni tra i creatori  di questa pellicola.. Tuttavia non è menzionato negli speciali dedicati e nemmeno dai critici o da chi oggi ricorda questo film scrivendo articoli.
Ma questo significato è palese !
Se lo avete visto non potete che essere rimasti straniti da alcune scene, quasi come se non le aveste comprese..
Questa mia analisi non è un accusa, anzi. Va riconosciuto peró che con il tema della pedofilia, introdotto massicciamente in tempi che seguono l'uscita di questo film, oggi avrebbe più di qualche problema ad uscire così come è.
Guardacaso oggi Hollywood è tristemente riconosciuta per essere stata un autentica trappola per molti giovani attori.
Se ci si riflette questa storia quindi non ne è che una metafora, un adulto strano, un mondo luccicante e bizzarro, una scelta per un giovane la cui integrità è facilmente corruttibile.
film (di una volta) servono a questo, a dare un messaggio, chiaro o sottointeso che sia e a mostrare un ordinario protagonista, quello che potresti essere tu quando ti trovi in una situazione di pericolo o cruciale per la tua vita...o come in questo caso quando ti capita di incontrare delle persone affascinanti che nascondo qualcos'altro.. 
Questa storia insegna che a queste persone basta rispondere.... Non hai alcun potere su di me !   
E per quanto banale sembri, credo che sia un ottimo messaggio.
Detto questo Labyrinth è anche e semplicente una spassosa e divertente fiaba animata da animatronics e pupazzi all'apice del loro splendore. Non vedrete mai più nulla di simile, anche se ci sarà qualcuno che vorrà fare una operazione nostalgia o celebrare questo modo di fare cinema sarà praticamente impossibile arrivare a set così vasti e pupazzi di tale fattura. Labyrinth rimarrà visivamente qualcosa di unico che ha comunque superato la prova del tempo.
Hoogle, Ludo (da noi Bubo che suonava effettivamnete meglio) e Sir Dydimus sono personaggi unici ed indimenticabili..così come gli altri che appaiono solo per pochi secondi sono tutti entrati nell'immaginario e nei cuori di molte persone.
Non ebbe successo al botteghino e ci fu solo qualche pubblicazione, come i fumetti della Marvel o dei libri-storia dedicati,  chissà com'è nessun altro gadget o giocattolo lo accompagnarono, il che pare davvero strano se si pensa che è una produzione firmata George Lucas, "l'inventore" del merchandising dei film.
Rimane comunque una pagina indelebile nella storia del cinema a cui hanno lavorato tra i più influenti e creativi artisti del nostro tempo.
Chissà se a qualcuno verrà mai in mente di far rivivere questi personaggi... di certo per farlo davvero servirà ben più che un ammasso di computer grafica..